Ragazzi...

BENVENUTI NEL BLOG DELLA 2^Q

Cerca nel blog...

Caricamento in corso...

giovedì 13 gennaio 2011

Testo argomentativo

Esercitiamoci a dimostrare la seguente TESI:

"Importanza dei viaggi di istruzione..."
 

30 commenti:

  1. Importanza dei viaggi d’istruzione!

    Secondo me, i viaggi d’istruzione sono molto importanti per molti motivi. Ad esempio perché i ragazzi iniziano a conoscere nuovi posti, studiano in modo diverso ed imparano ad interagire con i professori e i compagni in un contesto diverso da quello che abitualmente frequentano.
    Anche se molti sostengono che i viaggi d’istruzione sono per i ragazzi un momento di svago in cui poter divertirsi, e che presi dall’euforia del viaggio creano danni negli alberghi in cui alloggiano e approfittano per ubriacarsi disattendendo alle regole.
    Ma in primo luogo questi viaggi hanno anche come obbiettivo quello di studiare divertendosi e poi se i ragazzi creano danni nei luoghi in cui vengono ospitati (ad esempio gli alberghi) quelli che li devono pagare non sono né i professori né la scuola ma solamente loro, quindi non credo che siano così ingenui da creare danni e che si ubriachino sapendo di poter ricevere delle brutte conseguenze come una sospensione che implichi sulla scelta della loro promozione.
    Con questo concludo dicendo che i viaggi d’istruzione sono molto importanti anche per invogliare i ragazzi a studiare e ad approfondire certi argomenti.

    RispondiElimina
  2. I viaggi d'istruzione sono iniziative complementari alla didattica tradizionale, con lo scopo sia di approfondire argomenti studiati durante l'anno sia di coinvolgere gli alunni in attività diverse dalla normale routine scolastica.
    Io ritengo che i viaggi d'istruzione siano importanti per migliorare il livello di socializzazione tra studenti e tra docenti e studenti, in un ambito diverso da quello scolastico. Molte volte infatti alcuni insegnanti che all'interno della classe, dovendo assumere un ruolo preciso, sono severi e insopportabili, durante il viaggio, hanno l'opportunità di farsi conoscere dai propri alunni per quello che sono durante la loro vita quotidiana, instaurando così un rapporto diverso che sarà di aiuto per lavorare meglio in classe.
    Inoltre i viaggi d'istruzione servono per migliorare la conoscenza degli aspetti storici, culturali e paesaggistici del proprio paese, che durante gli anni scolastici sono stati studiati solo a livello teorico.
    Se invece i viaggi d'istruzione vengono organizzati in un paese straniero si ha l'opportunità di conoscere realtà sociali, economiche e artistiche diverse dalle nostre, magari mettendo in pratica e approfondendo una lingua straniera studiata a scuola.
    Ma nonostante i numerosi aspetti positivi bisogna soffermarci anche su quelli che possono risultare negativi. Infatti molte volte il viaggio d'istruzione dagli alunni viene visto solamente come un'attività ricreativa e di evasione scolastica, non considerando la vera finalità del viaggio. Così il comportamento poco responsabile di alcuni ragazzi può minare la tranquillità del viaggio dell'intero gruppo ed accrescere la già grande responsabilità degli insegnanti accompagnatori. Per questa ragione molti professori che negli hanno avuto esperienze negative durante i viaggi d'istruzione, oggi per paura del ripetersi di tali situazioni si rifiutano di partire.
    Un altra ragione che può causare poche adesioni alla partenza è il costo elevato del viaggio a totale carico delle famiglie degli studenti. Questo può comportare o che la scelta ricada su un viaggio a basso costo ma poco interessante e istruttivo, o che gli alunni che decidono di non aderire, rimangano in classe perdendo sia l'opportunità di fare questa nuova esperienza di vita che di studiare nuovi argomenti didattici.
    Questi problemi sono comunque risolvibili con una maggiore attenzione da parte del collegio dei docenti, infatti, per quanto riguarda i problemi comportamentali, basta limitare il viaggio a coloro che durante l'anno scolastico mostrano disciplina, e per quanto riguarda gli aspetti economici, basta scegliere una buona meta culturale che abbia un costo accessibile a tutti.
    Concludendo ritengo che i viaggi d'struzione siano molto importanti e che tutti gli studenti dovrebbero almeno una volta fare questa bella esperienza.

    RispondiElimina
  3. Ragazzi, dove siete?
    Vi ricordo che la consegna è entro oggi...

    RispondiElimina
  4. il viaggio di istruzione aiuta molti ragazzi ad imparare divertendosi.
    questi viaggi aiutano a :
    studiare con più interesse,
    responsabilizzare,
    imparare a divertirsi senza esagerare.
    purtroppo molti ragazzi considerano questi viaggi esclusivamente un gioco, e molte professoresse si trovano in difficoltà.
    alcuni ragazzi molto immaturi si ubriacano e le tragedie sono sempre dietro l'angolo.
    ovviamente potremmo dire che sbagliando si impara e che questi incoscienti ragazzi imparano la lezione solo sbattendo il muso a terra.
    quindi i viaggi di istruzione uniscono l'utile al dilettevole;i ragazzi sono più interessati e si sentono avvolti e coinvolti dalle storie a loro raccontate.
    In conclusione il viaggio di istruzione è un ottima alternativa ai soliti libri scolastici !!
    PS : SE NON VA BENE LO RIFACCIO XD

    RispondiElimina
  5. TESTO ARGOMENTATIVO SU:L'IMPORTANZA DEI VIAGGI D'ISTRUZIONE.
    Scaletta:
    1.introduzione: presentazione dell'argomento.
    2.tesi:i viaggi d'istruzione aiutano l'alunno a migliorare le capacità di relazionarsi con i compagni anche fuori dalle mura scolastiche,i viaggi di istruzione servono anche a scaricare le tensioni dei comuni giorni di scuola facendo lezione in modo alternativo,gli alunni si divertono insieme ai compagni di studio.
    3.antitesi:i viaggi d'istruzione necessitano di costi che gli alunni e la scuola devono affrontare,i viaggi d'istruzione implicano un grande impiego di energie da parte dei docenti accompagnatori,i docenti accompagnatori si assumono grandi responsabilità nel tutelare gli alunni.
    4.confutazione dell'antitesi: i viaggi d'istruzione sono necessari per un migliore completamento dell'anno scolastico.
    5.conclusione: i viaggi di istruzione sono importanti per la formazione degli alunni.
    TEMA
    I viaggi di struzione sono il momento dell'anno preferito di ogni studente,essi sono importanti per la formazione di ogni studente perchè nei viaggi d'istruzione gli alunni stando fuori dalla scuola imparano a condividere la stanza,gli spazi e il tempo con i compagni migliorando così il clima all'interno della classe e migliorando la capacità di relazionarsi tra di loro,i viaggi d'istruzione sono anche il momento dell'anno in cui gli alunni possono stare insieme, senza l'ansia delle interrogazioni e dei compiti in classe e possono fare lezione in modo diverso, scaricando così le tensioni accumulate nel corso dell'anno scolastico,poi gli alunni imparano a convivere e divertirsi insieme ai compagni di studio che di solito si vedono solo in ambito scolastico,è anche vero che le famiglie degli alunni e la scuola stessa devono sostenere dei costi indispensabili per pagare docenti accompagnatori,alberghi e mezzi di trsporto, costi che non tutte le famiglie sono in grado di sostenere,inoltre i docenti accompagnatori devono immergersi ventiquattro ore su ventiquattro nel lavoro e ciò implica un grande dispendio di energie da parte del docente,e poi i rischi e le responsabilità a cui ogni docente accompagnatore deve esporsi sono davvero grandi e non tutti sono disposti ad assumersene,ma tutto sommato i viaggi d'istruzione sono indispensabili per la formazione completa di un alunno al termine di un anno scolastico e per la maturazione collettiva del gruppo classe,quindi,i viaggi d'istruzione hanno un importanza rilevante all'interno di un anno scolastico.

    RispondiElimina
  6. I viaggi d'istruzione per i ragazzi sono una cosa molto importante, poiché potrebbero migliorare il livello di socializzazione tra studenti e tra studenti e docenti in una dimensione di vita diversa dalla normale routine scolastica. Si potrebbe, inoltre, migliorare la conoscenza del paese nei suoi aspetti storici, culturali, paesaggistici e conoscere realtà sociali, economiche ed artiche. Partendo dalla mia personale esperienza, tre anni fa ho visitato Londra. Lì vi si trovano importanti gallerie come National Gallery, musei come British Museum e bellissimi parchi verdi come James's Park. Tutto molto affascinante se non fosse per il gran caos, smog, la non conoscenza della lingua, la discriminazione dei londinesi nei nostri confronti, l'assenza di indicazioni stradali in altre lingue e l'impiegare veramente molto tempo nel visitare gli infiniti luoghi della necropoli. Ritengo, però, che i viaggi d'istruzione non siamo solo attività ricreative, ma, soprattutto iniziative formative per l'alunno che nella maggior parte delle volte si trova a viaggiare da solo senza genitori. Libertà che potrebbe incidere negativamente poiché la capacità di autogestione personale vista l'età adolescenziale sono molto ridotte.; mah sicuramente un viaggio d' istruzione sarebbe una fantastica esperienza.

    RispondiElimina
  7. I viaggi d’istruzione sono molto importanti per gli alunni, poiché permettono loro di conoscere nuove città e quindi nuove tradizioni e costumi. Durante il viaggio ci si diverte con i compagni anche nei posti più impensabili! Mentre si viaggia in aereo oppure nell’albergo dove si alloggia! Non a caso, proprio dai viaggi, nascono nuove amicizie con gli altri compagni di scuola oppure si evolvono quelle con i compagni di classe.
    Molte persone, dato le conseguenze che succedono durante questi viaggi, li chiamano “Viaggi Distruzione”. Gli stessi professori, che per mantenere l’ordine in un luogo pubblico, continuano a richiamare i propri alunni.
    A volte si lamentano anche i proprietari degli alberghi dove si alloggia, perché i ragazzi disturbano i clienti abituali.
    In fondo, questo fa parte del viaggio! I ragazzi si divertono così anche perché, i viaggi scolastici sono disponibili solo al secondo e al quinto anno della scuola superiore, quindi vogliono divertirsi in ogni modo! Da questi viaggi possono nascere anche amori, come è capitato più di una volta, ergo perché alcune persone ritengono non importanti o fondamentali questi viaggi?

    RispondiElimina
  8. Oggi i viaggi d'istruzione sono assolutamente i momenti dell'anno scolastico più attesi dagli alunni, e sono positivi sotto tutti gli aspetti. Un viaggio d'istruzione è infatti un'occasione per conoscere luoghi importanti in particolari contesti storici, è quindi un approfondimento del lavoro svolto in classe; un altro motivo per organizzare un viaggio è che, oltre a permettere agli alunni di ampliare le loro conoscenze, è un'esperienza molto divertente per gli studenti, che hanno l'occasione di stare insieme.
    Tuttavia si potrebbe pensare che un viaggio d'istruzione è solo un'occasione per far baldoria, causando disagi dei quali i professori sono responsabili; inoltre un viaggio può essere difficile e stressante da organizzare, poichè bisogna trovare dei docenti disposti ad accompagnare la classe, prenotare l'albergo, prenotare il volo e contattare eventuali guide turistiche. Nonostante queste motivazioni che possono far apparire il viaggio come qualcosa di difficile da organizzare, è senz'altro un'esperienza positiva se si avvertono gli alunni di dover mantenere un comportamento corretto. Per concludere, organizzare un viaggio d'istruzione permette a docenti e alunni di conoscere luoghi importanti utili alla formazione scolastica, è quindi qualcosa da fare.

    RispondiElimina
  9. Oggi in molte scuola d’ Italia si effettuano viaggi d’istruzione di più giorni in Italia e all’estero.
    Al giorno d’oggi il viaggio d’istruzione è un ‘ attività molto importante perché quasi sempre per la prima volta i ragazzi viaggiano senza i loro familiari.
    E’ un esperienza utile per responsabilizzare i ragazzi e per favorire l’integrazione con i compagni di classe e con i professori.
    La meta del viaggio d’istruzione quasi sempre ha scelta una città d’arte o capitali europee.
    Ciò serve ad ampliare le conoscenze culturali e linguistiche dei ragazzi . le scuole nell’organizzare il viaggio d’istruzione vuole raggiungere l’obiettivo di far conoscere ai ragazzi ciò che hanno studiato nei libri.
    L’altro aspetto positivo del viaggio d’istruzione è quello di indurre i ragazzi a credere a se stessi, alla cura della propria persona e delle proprie cose, al rispetto delle regole e degli orari . Almeno, secondo me dovrebbe essere così . altri invece, come per esempio alcuni genitori e professori pensano che il viaggio d’istruzione presenti dei grossi rischi e grosse incognite. La tesi di chi non vede di buon occhio il viaggio d’istruzione si fonda sui pericoli per l’incolumità dei ragazzi ; sull’idea che i ragazzi per il solo fatto di essere in gruppo si scatenano e diventino incontrollabili. Alcuni pensano che i giovani non sono interessati all’arte e alla cultura e vogliono soltanto andare in discoteca e compiere atti di vandalismo.
    In realtà, a parte le incognite che qualsiasi viaggio presenta, partire con i professori e i compagni di scuola è un’esperienza irripetibile e formativa.
    Infatti oltre a considerare le proprie conoscenze storiche, artistiche e linguistiche il viaggio d’istruzione mette ciascun ragazzo in condizioni di capire meglio se stesso , le proprie capacità di adattamento e di comprendere meglio il carattere dei compagni e il rapporto con i professori.

    RispondiElimina
  10. In molte scuole ogni anno vengono organizzati dei viaggi d'istruzione in una certa località, principalmente per un fine didattico ma non solo.
    Questi itinerari sono fondamentali poichè devono contribuire a:
    -Far conoscere nuovi luoghi con tutte le proprie caratteristiche di tipo storico, culturale, e sociale;
    -Approfondire le conoscenze dei ragazzi con visite di musei e altro;
    -Migliorare il rapporto di socializzazione non solo tra studenti ma anche tra alunni e docenti in un contesto diverso da quello scolastico.
    La conoscenza di posti nuovi può essere un opportunità per avere un confronto di diversi stili di vita, poichè come si dice "paese che vai usanze che trovi".Ogni città ha le proprie caratteristiche, diversi o comuni che siano si potrebbe ugualmente imparare qualcosa da queste.
    Le visite guidate rendono più chiaro e interessante ciò che si studia; fanno immergere i ragazzi nella storia antica , avendo un contatto riavvicinato con la realtà di un tempo.
    I viaggi d'istruzione oltre alla conoscenza di realtà nuove, vedono professori e studenti "convivere" per qualche giorno. Cosa più che positiva per eliminare tensioni o rivalità tra tutti. Conoscersi meglio e instaurare bei rapporti anche con i professori, elimando le cattive immagini che molti alunni hanno su docenti. Come abbiamo visto i viaggi d'istruzione sono più che motivati, ma c'è chi ,però, non è d'accordo. Molti sono contrari e scelgono di non far partire gli studenti per motivi comprensibili:
    -Partire con un gran numero di ragazzi richiede troppa responsabilità;
    -Molti alunni a causa del loro comportamento risultano un problema e mettono in difficoltà i professori stessi;
    -Alcuni professori ritengono più opportuno non perdere giorni di scuola a seconda del periodo in cui si svogle il viaggio.
    Viaggi di questo tipo richiedono la disponibilità di due o più professori. La vivacità dei ragazzi potrebbe prendere il sopravvento e i docenti potrebbero perdere il controllo della situazione. Questo si verifica soprattutto quando nel gruppo c'è un alunno che assume un comportamento sbagliato e maleducato nei confronti degli altri. Soggetti così rischiano di rovinare la gita e di creare gravi problemi.
    Molti docenti inoltre, a seconda del livello della classe ritengono più oppotuno restare a scuola e continuare il programma di studi, per evitare brutte sorprese in seguito.
    Tuttavia si potrebbe trovare un accordo e assumere un comportamento adeguato alle situazioni che si presentano, prendendosi le proprie responsabilità e mostrando maturità.
    Esperienze così, possono essere davvero travolgenti e appassionanti quindi vale la pena viverle e ricordarle con piacere.

    RispondiElimina
  11. Tutti noi vorremmo evadere dalla solita e monotona vita di tutti i giorni.
    Viaggiare permette all'essere umano di ampliare le proprie conoscenze e di aprire la mente verso nuove forme di cultura,arte e musica.
    Realizzare degli scambi culturi con ragazzi del proprio paese è di per sè molto positivo,ma andare oltre i confini e affrontare realtà straniere che ti permettano di considerare l'esistenza di nuove prospettive,in qualsiasi campoda delle opportunità più ricche di contenuti.
    Il viaggio è anche un'occasione per divertirsi e svagarsi con i propri compagni e con altre persone conosciute durante in quel arco di tempo. Diciamocelo francamente,chi non si divertirebbe in un viaggio di istruzione?
    Molti viaggi però per realizzare standard di sicurezza e confort hanno dei prezzi più elevati,che vengono a incidere economicamente nel bilancio familiare.
    In alcuni casi,manca il riferimento delle tappe del viaggio collegate alla didattica svolta durante l'anno scolastico,a cui gli alunni avevano prestato più attenzione e ne erano risultati affascinati.
    I professori spesso non vogliono affrontare i viaggi sia per esigenze familiari e personale sia per la responsabilità che hanno di contenere l'esuberanza dei ragazzi.
    Contattando agenzie anche attraverso siti web permette di avere,mantenendo i requisiti minimi delle riduzioni di costo. La scuola nella ricerca dei siti-viaggio può fornire diverse possibilità delle agenzie per soddisfare il collegamento tappa-didattica e la curiosità degli alunni.
    Un viaggio è anche un'occasione di crescita dopo aver ampliato i propri orizzonti. In un viaggio non solo si esplora nuovi luoghi e si conoscono nuove cose ,ma si raccolgono nuovi ricordi da inserire nel libro della vita. Attraverso le fonti si possono ricordare tutti i momenti meravigliosi che si sono trascorsi. VIaggiare ha sempre suscitato l'interesse dell'uomo.

    RispondiElimina
  12. Per Miriana: evita di iniziare con "secondo me" perchè tutto il testo è ciò che pensi dell'argomento. Le argomentazioni non sono forti e ben esposte.... occhio alla forma!

    Per Giulia R. la struttura compositiva rispetta le regole del testo argomenativo, buon inizio!Occhio anche tu agli errori formali (un'altra si apostrofa sempre...)
    ;O)

    RispondiElimina
  13. Massimiliano, hai fatto una scaletta ma manca tutto lo sviluppo argomentativo... guarda il lavoro di Andrea C. che è completo nella struttura.

    Per Andrea C., bene la struttura da correggere solo la confutazione che deve negare l'antitesi. Per quanto riguarda lo sviluppo, hai fatto un discorso tutto d'un fiato... e la punteggiatura dov'è finita????!

    RispondiElimina
  14. Provvi,mi è piacuto molto il taglio personale che hai dato ma hai solo esposto tesi e argomentazioni a sostegno. Mancano antitesi e confutazione! un dubbio: ma forse volevi scrivere "megalopoli" e hai scritto "necropoli"?...perchè non riesco ad immaginare che giravi per i cimiteri di Londra ;O)

    RispondiElimina
  15. ahahahahahh prof ha ragione... nel quaderno l'ho scritto correttamente =)

    RispondiElimina
  16. Per Alessandro, il tuo testo argomentativo risulta un pò troppo sintetico e scritto frettolosamente.... Mancano i connettivi di coesione!

    Per Antonio, rispetti tutte le fasi strutturali. Bene! solo, un pò stringato e asciutto.... la prossima volta le argomentazioni devono essere più ricche.

    Per Andrea,molto bene! ma se rileggi, hai sviluppato in forma ampia e convincente solo la tesi e la confutazione...
    L'antitesi, capisco che non è la parte che ti piace di più...ma va argomentata anch'essa ;O)

    RispondiElimina
  17. Per Giulia F: OTTIMO lavoro! Brava! sia tesi sia antitesi sonon state argomentate in modo ampio e convincente! Ti faccio solo notare gli errori ortografici: "Un'opportunità" (si apostrofa), "ed assumere" (evitare l'incontro tra vocali ravvicinate)....

    Per Alice,hai centrato molto bene le tue argomentazioni. Poco sviluppata l'antitesi e la confutazione. Emergono errori grammaticali: "da" che doveva essere "dà" in quanto verbo dare, e "in quel arco" che doveva essere "in quell'arco".. Poi c'è un periodo che non ho ben compreso: da "contattando agenzie" sino ad "alunni".... non è che ti sei persa qualcosa?

    RispondiElimina
  18. E gli altri????? dove sono???
    Forza che Cristian deve caricare il lavoro da consegnare entro LUNEDì prox.

    RispondiElimina
  19. I viaggi di istruzione sono molto importanti per la formazione del ragazzo e per ampliare la conoscenza cultare di altri posto , paesi , nazioni. Ma potrebbero anche essere pericolosi poichè per una svista del professore potrebbe nn accorgersi che manchi un alunno e proseguire con l' itinerario... Questo è successo in Friuli, se non erro, in quanto una ragazza, distratta da un' altra compagna sono rimaste indietro rispetto al gruppo e si persero. Ma è in casi eccezionali, perchè dal proprio gruppo non si ci deve staccare mai proprio per questo motivo. Come ho detto, i viaggi di istruzione sono molto importanti per appunto la conoscenza culturale e per la formazione del ragazzo. E' quel momento dell' anno scolastico in cui i ragazzi non temono interrogazioni e roba varia, ma si divertono insieme ad altri compagni giocando e scherzando. Ovviamante i viaggi non sono gratis... Infatti non tutte le famiglie riescono ad afrontare certe cifre, ma con sacrifici pur per fare felice il proprio figlio farebbero l' impossibile. Ma tutto sommato i viaggi d'istruzione sono indispensabili per la formazione completa di un alunno al termine di un anno scolastico e per la maturazione collettiva del gruppo classe,quindi,i viaggi d'istruzione hanno un importanza rilevante all'interno di un anno scolastico...

    RispondiElimina
  20. no prof quella era la confutazione! P.S. ho fatto errori stupidi perchè non guardo la tastiera mentre scrivo!! =(

    RispondiElimina
  21. Cristian, l'impianto strutturale è un pò confuso... ti consiglio di fare per la prossima volta una bella scaletta mettendo prima tesi (2 argomentazioni a sostegno), antitesi (2 argomentazioni a sostegno), confutazione e conclusioni.
    A proposito di correzioni del prossimo lavoro: devi mettere una "g" in più a "legere" nel post
    ;O)

    RispondiElimina
  22. Ogni anno in tutte le scuole si organizzano dei viaggi d'istruzione extracurricolari al fine di approfondire i concetti studiati durante l'anno.Per gli studenti è un'occasione unica in cui riescono a conciliare il divertimento con lo studio,relazionandosi con i propri compagni ed i propri professori,ma anche per visitare luoghi affascinanti e fare nuove conoscenze;inoltre è un momento in cui si riesce a evadere dalla monotonia di tutti i giorni,avendo la possibilità di svagarsi.
    Purtroppo in alcuni casi questi viaggi-studio non vengono effettuati poiché alcuni docenti ritengono che l'esuberanza e l'inesperienza dei ragazzi possano nuocere al corretto svolgimento del viaggio e le colpe ricadere proprio su di loro.Come biasimarli dato che potrebbero incorrere in richiami o in sanzioni!Sicuramente i ragazzi,data la loro giovane età,tendono ad esagerare e a non rispettare le regole,ma in linea di massima sanno a quello a cui vanno incontro e si comportano adeguatamente.
    Un docente dovrebbe valutare i ragazzi per capire se siano pronti ad affrontare un viaggio e tutto ciò che ne comporta.Pertanto credo che i viaggi d'istruzione siano un'esperienza che i ragazzi devono assolutamente provare e che sia sbagliato negarglielo, a meno che non vi siano delle prove sufficienti a sostenere l'immaturità degli alunni.

    RispondiElimina
  23. Prof io per la lezione del test argomentativo sono mancato quindi il mio commento non sarà uno dei migliori.

    I viaggi d'istruzione sono un grande passo che gli alunni compiono durante la loro avventura scolastica. è un'occasione unica in cui i ragazzi si trovano insieme a dover condividere le loro giornate, le loro paure e anche le loro gioie. Partecipando ad un viaggio d'istruzione si ha la possibilità di accrescere le proprie conoscenze e attraverso il dialogo si migliorano vari aspetti della vita sociale che determinano l'autostima in ognuno di noi. In queste occasioni si ha anche la possibilità di abbattere il muro che divide alunni da professori. Paure che inevitalbimente si creano ma che attraverso una maggiore attenzione aiutata da un dialogo "diverso" svaniscono immediatamente. Naturalmente non tutti la pensano così. Innanzitutto bisogna dire che questi viaggi hanno un costo importante per le famiglie di oggi. è approvato infatti che con la crisi economica i partecipanti ai viaggi d'istruzione siano calati del 6% rispetto ai numeri del 2005.
    Inoltre riuscire a trovare un giusto rapporto qualità prezzo non è per niente facile e lo è ancor di più garantire la piena sicurezza dei ragazzi. Infatti, a volte, si scelgono hotel a basso costo che tuttavia non raggiungono standard di sicurezza adeguati. Tuttavia i viaggi d'istruzione sono un'ottima occasione per migliorare e per determinare la maturità di ogni ragazzo. Personalmente ritengo che questa esperienza sia un passo importante per la vita di ognuno di noi e aggiungo che sono profondamente amareggiato poichè quest'anno non avrò l'occasione di partire con i miei compagnetti.

    RispondiElimina
  24. Al giorno d'oggi i viaggi d'istruzione sono molto importanti per tanti motivi, quali: la conoscenza di una lingua nuova, se si va all'estero, o di un dialetto si il viaggio si svolge in Italia, la possibilità di conoscere tradizioni , culture e monumenti della città che viene visitata e soprattutto avere la possibilità di stare in compagnia dei tuoi compagni al di fuori delle mura scolastiche.
    Se si va all'estero c'è la possibilità di conoscere la lingua di quel posto e quindi riuscire a confrontarci con la gente cercando di fare amicizia e scambiarsi idee.
    Inoltre per quanto riguarda le tradizioni, culture e i monumenti de quella città, che spesso abbiamo letto e visto sui libri possiamo verificarli di presenza.
    Per ultimo la possibilità di stare in compagnia dei compagni al di fuori delle mura scolastiche, possiamo approfondire aspetti della nostra amicizia che le poche ore di scuola non ci permette di fare.
    A questi motivi si contrappongono anche altri aspetti negativi come : la lontananza da casa , la possibilità dei pasti avariati negli alberghi e poi la mancanza del proprio cuscino!
    Ma diciamo che dopotutto questi sono solo dei piccoli particolari che non sono molto gravi in quanto per esempio nella lontananza da casa e dalla famiglia ci si può sempre mettere in contatto con i cellulari.
    Per quanto riguarda i cibi bisogna avere fortuna e trovare un albergo serio!
    Invece per quanto riguarda il cuscino è una battuta per dire un latra cosa a cui potrei sentire la mancanza , è il mio letto!
    Sicuramente un viaggio d'istruzione è molto importante e molto significativo per un adolescente in quanto potrebbe imparare molto sia sull'aspetto culturale che umano.

    RispondiElimina
  25. Prof. mi scusi il ritardo...
    ma purtroppo non lo potuto mettere prima.
    Grazie!

    RispondiElimina
  26. giuseppeschilleci26 gennaio 2011 10:51

    VIAGGIO D’ ISTRUZIONE


    Dopo circa nove mesi di studio, per molti studenti, il momento più bello dell’ anno è il viaggio d’ istruzione. Questo evento viene visto dai professori e dagli alunni con occhi diversi. I secondi considerano questo momento un modo di svago, mentre i primi lo inquadrano come una maniera diversa per studiare, approfondendo gli argomenti che hanno insegnato durante l’ anno scolastico. Sicuramente il viaggio d’ istruzione può trarre molti vantaggi: migliorare il rapporto con i professori e compagni, fare nuove amicizie, approfondire determinati argomenti che non sono mai stati affrontati in classe, possono emergere i veri caratteri di alcune persone... Inoltre si scopre una realtà diversa rispetto a quella della propria città conoscendo nuovi luoghi, usi e culture differenti della città che si visita.
    Tuttavia un viaggio d’ istruzione non può avere solo dei vantaggi positivi, Infatti contrariamente a quanto detto poc’anzi può essere considerato un momento in cui il rapporto con i genitori va scemando o si sente la loro mancanza, dovuta dall’ allontanamento. Per gli insegnanti spesso si rivela un compito troppo impegnativo, tant’è vero che le gite scolastiche non vengono programmate, a causa della cattiva condotta della classe.
    Dopo tanto stress di un anno davanti ai libri, il modo migliore per rilassarsi e per prepararsi all’ estate è intraprendere il viaggio d’ istruzione in compagnia del sorriso dei propri compagni. Pertanto vorrei ribadire la mia tesi iniziale con una frase di Samuel Johnson: “ Scopo del viaggiare è disciplinare l’immaginazione per mezzo della realtà e, invece di pensare come potrebbero essere le cose, vedere come sono in realtà”.

    RispondiElimina
  27. PEr Antonio O. l'impianto strutturale è pertinente anche se non molto ricco di argomentazioni.

    Per Samuele: non preoccuparti.... scrivendo si impara a scrivere! E comunque hai fatto un buon lavoro. Devi solo cercare di armonizzare meglio tesi e antitesi, perchè il passaggio è troppo brusco.

    RispondiElimina
  28. Conny, l'impostazione va bene! occhio a qualche errore di battitura: "un'altra" si apostrofa.

    Per Giuseppe Schilleci:anzicchè "trarre" dovevi scrivere "procurare o produrre"..Bene l'impianto strutturale che rispetta tutti i passaggi ma evita di farli apparire così bruschi.

    RispondiElimina
  29. Gli anni scolastici sono un pò monotoni, e spesso i ragazzi non vedono l'ora che finiscano. Un'altra cosa che aspettano con ansia sono i VIAGGI D'ISTRUZIONE. Questi si fanno prevalentemente nella stagione primaverile, poichè la temperatura è abbastanza calda da permettere ai ragazzi di visitare tantissimi luoghi. Il viggio permette di imparare attraverso i monumenti, che ,la maggior parte delle volte, sono inerenti al programma di studio svolto dai ragazzi. Viaggiare in compagnia dei compagni è sempre divertente, poichè restano tanti bei ricordi impressi nella mente. Fare un viaggio è conoscere nuove tradizioni,nuove persone e nuovi modi di vivere. Alla fine di un viaggio con la scuola si è molto stanchi, poichè ci si è divertiti molto e si è dormito poco. Questo è uno dei motivi per cui non si dovrebbero fare; ma il peggiore è ritornare in classe: dopo 5 giorni di divertimento diventa molto difficile riabituarsi alle classiche spiegazioni. Però, dopo tutto, sono un bel modo di fare scuola, poiche oltre ad imparare tante cose nel campo della didattica, impari ad essere responsabile e a stare bene con le altre persone. quindi rimango del parere che fare i viaggi d'istruzione sia un'esperienza, poichè (bella o brutta che sia) ti fa crescere come persona.

    RispondiElimina
  30. Serena, come struttura mi sembra superficiale e sbrigativa! Manca di capacità critico-argomentativa....

    MANCA SEMPRE DAVIDE!!! sei rimasto l'UNICO assente a questa consegna....

    RispondiElimina

Windows Media Player