Ragazzi...

BENVENUTI NEL BLOG DELLA 2^Q

Cerca nel blog...

mercoledì 12 gennaio 2011

Recensione: Il Sarcofago dell' Imperatore

Pubblicate le vostre recensioni...

25 commenti:

  1. L’apertura di una tomba porta sempre curiosità e incertezze. Cosa ci sarà dentro? Chi vi è sepolto? Questi sono le domande che pongono due studiosi, incaricati di aprire il sarcofago di Federico II di Svevia a Palermo, ad uno storico locale. Di chi sono i tre corpi dentro il sarcofago? Federico II, Pietro II d’Aragona, il duca di Atene o Sara de’ Galbi? Chi? E poi chi era veramente Federico. Da queste domande nasce un racconto che coinvolge ottocento anni di storia, da Federico II ai giorni nostri, attraversando una morte di malattia che si trasforma in omicidio , la scomparsa di un piede della salma di Federico II, collegata con l’arrivo di truppe di SS dentro la cattedrale. Ma soprattutto Federico II l’imperatore, visto prima da bambino, poi da uomo adulto, innamorato dell’ennesima donna, Sara, a cui rivolge gli ultimi pensieri prima di morire. Sta sullo sfondo di tutto il romanzo, anche se non è sempreil personaggio principale, compare in ogni capitolo anche quando non è nominata. Il punto su cui gira tutta la storia è, però, il sarcofago dell’imperatore, il muto protagonista...

    RispondiElimina
  2. Molto bene, Cristian! Devi solo aggiungere il tuo commento personale sul libro... ATTENDO!

    RispondiElimina
  3. Due professori di nome De Mariniis e Angeletti vollero ricostruire tutta la vita dell'imperatore Federico II (1194-1249),che governò a Palermo nel 1200. Essi vollero consultare un loro caro amico ricercatore,per accumulare più notizie possibili.Di Matteo raccontò loro l'infanzia e l'adolescenza dell'imperatore che fu infelice e solitaria. Quando divenne grande sposò Costanza D'aragona edopo la sua incoronazione,morì. Il ricercatore volle subito arrivare in medias res e disse loro che nel sarcofago di Federico II all'interno della cattedrale c'erano anche i corpi di Pietro D'Aragona e il Duca di Atene. Ma non era molto convinto sulDuca perchè aveva il dubbio se ci fosse una donna di nome Saha,l'amante dell'imperatore. Nel 1249 l'imperatore morì di dissenteria,come suo padre. Tutto il popolo compresa Sarah fu distrutto da questa notizia annunciata per le strade di Palermo.Il secondo corpo trovato fu quello di Pietro D'Aragona che fu ucciso con la spada del sicario che aspettava il suo ritorno in casa. Di Matteo disse che il sarcofago era stato aperto circa quattro volte,ma nel 1781 spostando i cadaveri tolsero ogni dubbio perchè si scoprì che li dentro c'era Sarah e non il Duca di Atene. De Mariniis e Angeletti ringraziarono il loro caro amico-ricercatore e andarono a fare la TAC al corpo di Federico II,notarono che al corpo mancava il piede sinistro. Straniti,andarono dal professore per capire la mancanza. Di Matteo raccontò che un fedelmaresciallo di nome Bock finse una bomba nella cattedrale,facendo uscire tutti e così per accontentare il desiderio del Fiiherer,tagliò un piede allo scheletro di Federico come era stato richiesto. Così due professori con tutte quelle informazioni furono intervistati sull'argomento e dissero che secondo delle loro indagini il terzo corpo non era nè il Duca nè Sarah ma bensì la moglie Costanza D'Aragona.

    RispondiElimina
  4. Alice, molto dettagliato il riassunto ma manca analisi dei personaggi e cosa ti ha comunicato la lettura del libro... insomma, che idea ti sei fatta del grande Imperatore Federico II.

    RispondiElimina
  5. Ricordo a tutti che la SCADENZA del libro è fissata per LUNEDì 31 GENNAIO 2011...
    vi raccomando!

    RispondiElimina
  6. Straordinario!
    Mi sembra questo l'aggettivo migliore per descrivere un libro che associa la storia alle leggende metropolitane.
    Il sarcofago dell'imperatore scritto da Matteo Valentino racconta la storia di due professori De Mariinis e Angeletti che, con l'intento di aprire il sarcofago di Federico II, chiedono ad un ricercatore di nome Di Matteo di aver raccontato la storia dell'imperatore.
    La storia interessante caratterizzata da un ritmo incalzante e abbellita da colpi di scena e guarnita dallo "scontro" dovuto alle personalità opposte di Di Matteo e Angeletti rendono questo libro un capolavoro.
    La storia raccontata da Di Matteo è esclusiva e spesso affiancata da considerazioni personali del ricercatore,Federico viene raccontato con una precisione maniacale ma mai stancante.
    Il libro ti prende dalla prima parola quando ti ritrovi nella Palermo del 1200 fino al punto che sancisce la fine del libro
    Proverai le sensazioni dell'autore e la sua amarezza per una Palermo che in 800 anni ha fatto un triste scivolone negli abissi,sott'acqua senza più aria nei polmoni.
    Federico era un grande imperatore; amato per quello che ha fatto e non per quello che diceva di fare.

    PS: un libro bellissimo ho così tanto da dire che ho perso le parole XD

    RispondiElimina
  7. L'apertura di una tomba con tre corpi equivale a molte incertezze e domande: che cosa ci sarà dentro? chi vi è sepolto?. i tre corpi che si ritiene si troveranno sono: Federico II di Svevia, suo nipote Pietro II D'Aragona, Sarah De'Galbi o il duca di Atene.
    Questi sono gli interrogativi e i dubbi che si pongono due studiosi:De Mariniis e Angeletti. Per sapere di più sul sarcofago essi si rivolgono a un professore di storia medievale detto "u'prufissuri" . "U'prufissuri" inizia raccontando ai due della vita di Federico II: dell'infanzia irrequieta e triste; qualche giallo storico, sino alla scomparsa del piede sinistro di Federico II. Questo accaduto ha portato molto spavento ai due studiosi al momento della tac al corpo di Federico. Quest'episodio farà rincontrare i tre studiosi i quali conosceranno da Di Matteo le ragioni della mancanza del piede di Federico, collegata all'arrivo di truppe di SS dentro la Cattedrale. Questa è una bellissima biografia molto istruttiva per ragazzi di 15 anni perchè fà osservare la storia da altri punti di vista e ci presenta protagonisti della storia come Federico II anche sotto l'aspetto umano. Si dovrebbero leggere molte biografie di questo genere per amare di più la storia e per far capire quali sentimenti , quali emozioni, quali desideri abbiano spinto i grandi personaggi a compire le loro gesta . Io penso che Federico II sia stato un imperatore che è giusto non dimenticare; secondo me ha saputo coniugare il potere con una buona dose di umanità, infatti si circondò di artisti e poeti ed egli stesso scrisse molti versi. Sono sicuro che se fosse vissuto più a lungo la storia della Sicilia avrebbe preso una piega diversa. La lettura di questo libro mi ha lasciato un certo senso di soddisfazione infatti l'ho letto in breve tempo e non mi volevo staccare dalle sue pagine anche perchè il ritmo della narrazione è rapido ed incalzante.
    Andrea Varrica

    RispondiElimina
  8. Il sarcofago dell’imperatore di Valentino Matteo
    Recensione:
    Il libro racconta la ricerca di due professori di nome Angeletti e De Mariniis che vollero percorrere la vita dell’ imperatore Federico II; nato nel 1194 da Federico I di Svevia e da Costanza D’Altavilla, morto nel 1249 di dissenteria. Federico governò nel 1200 a Palermo. I due professori consultarono un loro amico di ricercatore per avere più notizie sull’imperatore. Lui raccontò l’infanzia e l’adolescenza infelice di Federico II , che il 17 maggio del 1198 Costanza fece incoronare il figlio re di Sicilia a soli quattro anni. Il racconto proseguì fino a quando i due professori non si accorsero che il piede sinistro di Federico II era scomparso. Così Di Matteo iniziò a spiegare il perché di questa scomparsa, dovuta all’arrivo delle truppe SS dentro la Cattedrale. Questo libro è molto bello e soprattutto adatto per i ragazzi poiché racconta la storia di Federico II anche sotto un altro punto di vista, cioè l’aspetto umano. Il ritmo della narrazione è rapido ed incalzante infatti riesce a coinvolgere il lettore. Il vero protagonista in cui si basa tutto il racconto è il sarcofago dell’imperatore (il muto protagonista).

    RispondiElimina
  9. L'apertura del sarcofago dell'imperatore Federico II(1194-1249) interessa molto alcuni studiosi,che incuriositi da questo personaggio ripercorrono i momenti più significativi della sua vita; la sua infanzia, il suo matrimonio con Costanza d'Aragona e l'amore per Sarah. Costanza per lui fu una moglie,una madre un'amica,una consigliera,tutto. Lo accompagnò per molto tempo con fedeltà e amore ma al momento della sua ora dovette lasciare il suo grande Re,che ne soffrì molto.
    Qualche anno più tardi l'incontro con la sua "dulcissima Sarah", fu un amore bello e passionale che riempiva di gioia entrambi,nonostante l'età dell'imperatore. Federico in punto di morte espresse il desiderio di voler con sè nella tomba la sua amata Sarah,cosa che non tutti accettarono ma si rispettò ugualmente il volere del Re. All'interno del sarcofago fu ritrovato un terzo corpo, si trattava del corpo di Pietro II d'Aragona, probabilmente fu ucciso e il suo cadavere venne nascosto nel posto di cui era difficile avere dei sospetti.Il libro è molto interessante poichè fa rivivere la realtà di un tempo,ha un linguaggio scorrevole con richiami della lingua palermitana, infatti il racconto è proprio ambientato a Palermo.I protagonisti presentano caratteristiche ben diverse anche se, il vero protagonista è il Sarcofago dell'Imperatore definito muto dallo scrittore.

    RispondiElimina
  10. Il sarcofago dell’Imperatore
    I tre corpi.

    Il sarcofago dell’Imperatore è un libro scritto da Matteo Valentino. Questo racconto narra la storia di Giovanni Angeletti ed Enzo de Mariniis, due archeologi milanesi arrivati a Palermo per scoprire l’identità delle salme contenute nel sarcofago di Federico II di Svevia, re di Sicilia. Questi vennero accolti dal professore Saverio di Matteo, professore di Storia Medievale all’Università di Palermo. Quest’ultimo fece conoscere ai due archeologi, la storia del Re, raccontando loro la sua gioventù vissuta nei meandri del mercato arabo palermitano, della sua passione per la caccia con l’aquila e delle sue “donne”.
    Questo libro ha diverse ambientazioni: dalla Palermo di oggi, si passa a quella araba-normanna, per poi finire nel 1943, anno molto importante poiché ha avuto delle ripercussioni inaspettate nel corso della storia, che preferisco non svelare per non togliere il gusto della lettura.
    Il libro è scritto con chiarezza e semplicità e a tratti si trova qualche parola tratta dal dialetto siciliano. Consiglio questo libro a chiunque voglia immergersi in una Palermo araba, totalmente diversa da quella odierna.

    RispondiElimina
  11. "Il sarcofago dell'imperatore", di Matteo Valentino, racconta la storia dell'apertura del sarcofago dell'imperatore Federico II, che si trova nella Cattedrale di Palermo. Giovanni Angeletti e Enzo De Mariniis sono i due responsabili dell'apertura del sarcofago, finalizzata a fare chiarezza sul sepolcro del grande imperatore vissuto nel XIII secolo; i due, per ricavare informazioni utili su Federico e sulla sua tomba si recano nel capoluogo siciliano dal professore Di Matteo, storico e docente presso l'Università di Palermo. Di Matteo, attraverso una ricostruzione fatta di dicerie del tempo ma anche di documenti ufficiali, racconta alcuni particolari della vita dello "stupor mundi"; questa ricostruzione, a cui i due studiosi, specialmente il medico legale Angeletti, non crederanno, spiegherà sorprendentemente alcuni fatti inaspettati avvenuti all'apertura della tomba, la quarta in ordine cronologico dalla morte di Federico, come il fatto che uno dei due corpi sovrapposti a quello di Federico nel corso degli anni si rivelerà essere un corpo femminile, un'amante dell'imperatore secondo Di Matteo e secondo voci non ufficiali risalenti al 1200.
    Nonostante il tema principale del libro sia l'apertura del sarcofago, attraverso i racconti di Di Matteo scopriremo alcuni aspetti molto interessanti della vita di Federico II che ci aiutano a ricostruire la sua personalità e a comprendere meglio chi fosse veramente.
    Consiglio questo libro poichè a mio avviso è molto interessante e riesce a trasmettere al lettore informazioni che un libro di storia qualsiasi non riporta, in quanto, a differenza di ogni altro libro, non si basa solo su fonti ufficiali.

    RispondiElimina
  12. PEr MAssimiliano ed Andrea, avete scritto un buon commento al libro; si evince infatti quello che la lettura ha suscitato in voi.

    Miriana, rimani più sulla fasa riga del riassunto e si sente molto poco di tuo...
    Cosa hai provato leggendo la storia di questo imperatore?

    Ricordo a tutti gli altri che il termine della consegna è scaduto... ne terrò conto ai fini della valutazione.
    A prescindere, il lavoro va consegnato anche fuori termine!!! Quindi, sto aspettando i ritardatari....

    RispondiElimina
  13. Il sarcofago dell'imperatore di Matteo Valentino è un libro che racconta di due professori, Enzo De Mariniis e Giovanni Angeletti, che dopo aver aperto il sarcofago di Federico II di Svevia, vi trovano al suo interno tre corpi. "Di chi sono le tre salme all'interno della tomba?", questa è la domanda che spinge i due studiosi a rivolgersi al professore Saverio di Matteo, uno storico medievale comunemente chiamato "U' Prufissuri". Di Matteo inizierà sin dal primo incontro con i due professori ad appassionarli con il racconto della vita del grande imperatore Federico II che li aiuterà molto per lo studio del sarcofago. Questo libro è molto bello, l'autore Matteo Valentino, infatti, ci racconda di un bambino con una triste infanzia, di un uomo adulto, e di un uomo innamorato, mostrando così la vita di un grande personaggio come Federico II non solo come imperatore ma anche sotto il suo profilo umano. In questo romanzo infatti vi sono racchiusi ottocento anni di storia che coinvolgono la lettura del lettore anche proponendogli capitoli di giallo storico. Leggere questo libro a mio avviso è stato molto interessante, infatti trovo che leggere libri come questo siano un bel modo per conoscere la vita di grandi personaggi che sono vissuti nel passato.

    Proff scuso per il ritardo, ma questa volta non ho potuto caricarlo in tempo.

    RispondiElimina
  14. Per Giulia F. molto bene il commento personale, anche se manca un ritratto del grande imperatore protagonista vero del romanzo.

    Per Alessandro: la prima parte sembra più che una recensione un riassunto. Migliore sicuramente il tuo commento personale sul libro.

    RispondiElimina
  15. Antonio M. molto bene il commento, ricco di particolari importanti e di dettagli affatto secondari sulla vita e la fama del grande Federico II. Complimenti! Forse manca un pò un'analisi del personaggio e dell'immagine che ne ricavi dal romanzo...

    RispondiElimina
  16. Bene Giulia! peccato che l'inserimento sia stato oltre i termini...Ti rifarai la prossima volta ;O)

    RispondiElimina
  17. La storia si apre così, con l'eterno interrogatorio che affascina e ricopre di mistero l'avventura. Quesiti che nascono inevitabilmente. Cosa ci sarà dentro? Chi vi è sepolto? Domande che affligono e tormentano i due professori che,privi di risposte, si vedono costretti a chiedere aiuto al prof. Di Matteo, in arte "U Prufissuri". Di chi sono i tre corpi dentro il sarcofago? Saranno i corpi di Federico II, Pietro II d’Aragona, il duca di Atene oppure Sara de’ Galbi? Chi sono?. La storia si concentra su quest'interrogativi e il protagonista indiscusso della vicenda è lui, Federico II. La sua vita e l'alone di mistero che lo avvolge sono la chiave della narrazione. Il romanzo è davvero interessante poichè, con maniacale precisazione, ci presenta Federico II. La sua infanzia e le sue paure vengono messe in evidenza e il suo amore per Sara è la forza che lo tiene in vita. 800 anni di storia sono descritti in questo libro. Storia che ancora oggi affascina tutti noi. Personalmente il mio giudizio è ottimo riguardo il libro. Il linguaggio piuttosto semplice ci permette di velocizzare i tempi di lettura e l'alone di mistero che avvolge la storia crea suspense che aumenta la voglia alla lettura.

    RispondiElimina
  18. Samuele, ma dov'è il commento sui personaggi e sul protagonista del racconto? Che idea ne emerge di Federico II?... superficiale!

    RispondiElimina
  19. Il Sarcofago dell’Imperatore, narra la storia di due archeologi De Mentis e Angeletti che riaprono il sarcofago di Federico II per avere maggiori risposte. Per far chiarezza sulla storia del sarcofago e dell’Imperatore, i due chiamano lo storico Di Matteo che racconta ai due l’infanzia infelice di Federico. Divenuto adulto, sposa Costanza d’Aragona che morirà dopo la sua incoronazione. Lo storico, in seguito, racconto l’incontro con Sarah, avvenuto alcuni anni dopo la morte della moglie, amore folle e passionale tanto che il suo cadavere sarà ritrovato dagli stessi archeologi nella tomba. Molto interessante p la descrizione di Federico. Ragazzo che ha la stoffa da leader e impara da tutti, in silenzio osserva le lotte dei potente che avrebbero voluto controllarlo. Ma cosa più importante per il suo futuro sarà la capacità di aspettare il momento giusto per colpire, cosa che impara dall’aquila che addestra per la caccia.

    RispondiElimina
  20. Prof scusi il ritardo... mi dispiace tanto cmq non succederà più... mi scusi ancora

    RispondiElimina
  21. De mentis e Andeletti sono due archeologi che cercano di scoprire chi sia veramente federico secondo. All'apertura del sarcofago, si trovano difronte 3 corpi: di chi sono in realtà?
    Allora i due studiosi chiederanno aiuto al professore Di Matteo, uno storico che racconterà ai due archeologi tutta la storia dell'imperatore siciliano, presentado, così, non solo un re, ma anche un uomo. Viene presentato sin dall'infansia, e capiemo che grande persona è stato.
    Il libro è molto bello e suscita nel lettore una gran voglia di scoprire, non solo come finisce la storia, ma anche tante altre verità che la città di palermo nasconde.
    E' un libro adatto a tutti e puo essere letto in qualsiasi momento, poichè non annoierà mai.

    RispondiElimina
  22. Il libro "Il sarcofago dell'imperatore" di Matteo Valentino racconta di come due archeologi,De Marinis e Angeletti, spinti dalla curiosità di far luce sulla tomba di Federico II scoproranno la storia di colui che fu uno dei più grandi uomini mai esistiti.Dopo aver aperto la tomba,i due si rivolgeranno ad un noto storico palermitano,che gli racconterà la storia di Federico,arricchendola con commenti personali e vari confronti tra la Palermo di allora e di oggi.Il libro risulta molto interessante,di facile lettura e interpretazione,dato il linguaggio con cui si esprime e le dimensioni ridotte;per questo lo consiglierei a tutti,dato che personalmente mi è piaciuto molto.

    RispondiElimina
  23. Antonio O., la tua recensione è molto scarna, poco argomentata e senza analisi dei personaggi.. Lavoro alquanto superficiale!

    RispondiElimina
  24. Il mistero del grande imperatore verràfinalmente risolto.
    Machifu realmente Federico II di Svevia ? Ceme divenne così famoso?
    Matteo Valentino ci illuminerò conil sua incredibile romanzo , ricco di suspanse , che farà emozionare chiunque lo legga.
    E' un libro molto bello , che non ti farà staccare gli occhi dalle paggine: instancabile e sorprendente , in poche parole un libro da leggere

    RispondiElimina
  25. Davide, il tuo lavoro è affrettato e pieno di errori...

    RispondiElimina

Windows Media Player